Cybersecurity: 5 consigli per proteggerti da Ransomware

  • Digitalizzazione e contagio online

     
    Il 2022 è un anno ideale per investire nel digitale: la transizione all’industria 4.0, la cosiddetta Smart Factory, ha posto l’attenzione sui processi di digitalizzazione, incentivati dal PNRR. Quest’ultimo, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, indica la strategia governativa italiana di adesione al programma Next Generation EU: ovvero la creazione di fondi per affrontare i problemi indotti dall’emergenza sanitaria da coronavirus.

     

    Tuttavia, una maggiore digitalizzazione implica inevitabilmente un aumento dei rischi, soprattutto in relazione ai dati sensibili, sia delle aziende, sia personali. Si è quindi creato un “contagio online”: negli ultimi due anni si sono difatti diffusi sempre più i virus, in particolare vi è stata una crescita di casi di Ransomware.
  • Cosa sono i Ransomware e perché sono diffusi

     
    Il Ransomware è una tipologia di Malware basato sul riscatto (in inglese ransom): i dati di un utente-vittima vengono crittografati e resi inaccessibili per l’utente stesso, che potrà accedervi solo se ottiene la password segreta pagando le ingenti somme di denaro richieste dall’hacker.

     

    A livello tecnico, i Ransomware sono definiti Trojan Horse crittografati, termine di citazione omerica che evidenzia la loro natura mascherata: si tratta infatti di virus apparentemente innocui.

     

    Questa classe di virus è ormai sempre più diffusa, tantoché il Rapport Clusit 2021 stima che il 67% di cyber attacchi sia dovuto a Ransomware. Queste percentuali destano particolare timore in Italia, quarto paese più attaccato in Europa secondo l’Unit 42 Ransomware Threat Report 2021.

     

    Ma perché questa forma di attacco è così privilegiata? I cybercriminali la preferiscono per la sua redditività. Frequentemente, infatti, le vittime cedono alle minacce dei criminali in rete e trasferiscono denaro sui loro conti, con la speranza di evitare ripercussioni; ma, così facendo si crea un ciclo interminabile di attacchi.

     

    Cosa bisogna fare per evitare questo flusso continuo di ricatto e non essere più colpiti?

     

    Prima di poter attuare una prevenzione occorre sapere da cosa bisogna proteggersi.
  • Le tipologie di Ransomware

     
    Ecco, quindi, alcune cause principali di infiltrazioni Ransomware:

     

    • Phishing: e-mail o messaggi che inducono l’utente alla visualizzazione del contenuto data la loro apparenza attendibile, quando in realtà non presentano fonti accertate. Sfruttano la loro credibilità per introdurre nel device dell’utente un Ransomware.
    • Malvertising: il cosiddetto Malware Advertising sfrutta i clic degli utenti sulle pubblicità per rilasciare virus.
    • Social Engineering: implica un rapporto di fiducia con l’hacker, il quale spinge l’utente a umiliarsi e compromettersi.
    • Baiting: viene lasciata incustodita una chiavetta USB contenente Ransomware, puntando sulla curiosità dell’utente che desidera visualizzarne il contenuto.
    • Exploit kit: sfruttano le vulnerabilità informatiche per inserire Ransomware.
  • Temi i Ransomware? Scegli i software sicuri teamQUALITY

     
    Come puoi avere la certezza di navigare in modo sicuro garantendo al tempo stesso un buon servizio informatico?

     

    La risposta la forniamo noi: scegli teamQUALITY.

     

    Affidati alla nostra esperienza che da 30 anni supporta le aziende attraverso l’innovazione digitale, gestendo i cambiamenti tecnologici, organizzativi e manageriali. Il nostro compito è rendere la protezione dei tuoi sistemi IT semplice, pratica e sicura grazie a soluzioni digitali personalizzate. Tutto ciò con una consulenza specializzata che ti aiuterà nella gestione dei vari processi aziendali.

     

    Compila il modulo qui sotto e richiedi subito una consulenza gratuita.

Temi i Ransomware? Scegli i software sicuri di teamQUALITY

Compila il modulo e fisseremo subito con te una consulenza gratuita! 

 

I campi contrassegnati da un asterisco (*) sono obbligatori.
La nostra Filosofia
Il nostro gruppo
Cosa facciamo
Il metodo TeamQUALITY